Privlaka

Privlaka si trova nel cuore della Dalmazia Settentrionale. Dal suo lato nord-est si trova l’antica città reale di Nin mentre a nord-ovest di Privlaka giace l’isola di Vir. La penisola di Privlaka ha sette kilometri di lunghezza e quattro kilometri di larghezza. Questo villaggio costiero della Contea di Zadar è apprezzato ancor di più per la vicinanza e l’influsso di Zadar.
È facilmente raggiungibile in auto, a soli 20 km di distanza da Zadar (Zara), il centro principale della regione, che è ben collegato con tutta la Croazia, e il più veloce è raggiungibile con l’autostrada A1 in direzione Zagabria – Spalato, uscendo a Maslenica o Posedarje e proseguendo per la strada magistrale verso Zadar (Zara). Se venite dalla direzioni di Rijeka (Fiume) utilizzare la strada costiera. Dall’aeroporto di Zadar (Zara) è distante 23 km.

txt-img-privlaka-map
txt-img-privlaka-weather

Clima

Il mite clima mediterraneo di questa zona è caratterizzato da estati calde e inverni generalmente miti. Il maestrale che d’estate soffia da ovest rende più piacevoli le giornate e più sopportabile l’afa. La bora, il caratteristico vento invernale che soffia da nord, dalla direzione del monte Velebit porta le temperature basse, a volte anche sotto zero. La regione di Privlaka gode delle belle e calde giornate assolate con più di 2540 ore di sole all’anno. La temperatura estiva del mare è tra il 25 e 27 gradi.

Storia

Nelle prime tracce scritte del 1296 Privlaka viene descritta come una località di viticoltura. Questo villaggio è tradizionalmente legato al mare, alla navigazione e alla pesca.
I campi lavorati e la natura intatta circondano i più antichi monumenti della cristianità. I monumenti importanti risalenti al 14o secolo sono i ruderi della Chiesa di Santa Caterina (Crkva Sv. Kate) e la Chiesa di San Vito (Crkva Sv. Vida), santo patrono di farmacisti, danzatori e attori. È completamente preservata e ancor oggi, in giugno, ci si celebra la santa messa in onore del santo patrono. Si possono visitare anche la Chiesa di Santa Barbara (Crkva Sv. Barbare) costruita durante la Guerra d’Indipendenza croata nonché la Chiesa Parrocchiale della Natività della Beata Vergine Maria del 19o secolo che rappresenta uno dei più begli esempi del classicismo architettonico della Dalmazia.

Oltre ai monumenti sacrali sono preservati anche i pozzi di Privlaka, fonti di acqua e di vita di una volta che testimoniano la vita dura di contadini e pescatori e nascondono tante storie e segreti d’amore. Oggi sono preservati 12 pozzi tra i quali il più famoso e il Pozzo di Sokolar con la sua famosa leggenda.

txt-img-privlaka-1
txt-img-privlaka-beach

Spiagge

Privlaka è caratterizzata dalle lunghe spiagge sabbiose dal mare basso che sono ideali per una vacanza di famiglia. Le famiglie con bambini piccoli se la godranno giocando nella sabbia e nel mare pulito.
La temperatura del mare Adriatico a Privlake e di 22 e 25 ° C in estate e 5-15 ° C in inverno. La trasparenza e il colore del mare sono di sicuro uno dei migliori rispetti ad altri mari, e la trasparenza è fino a 56 metri. La salinità è del 38 ‰, che è superiore alla media mondiale. Le correnti oceaniche sono di bassa intensità. Il mare a Privlaka è distintivo e unico per la ricchezza della vita, purezza e trasparenza, e la costa frastagliata e il paesaggio dinamico.
Privlaka è noto anche per il surf. La zona a Privlake chiamata Sabunike, accanto a Bol sull’isola di Brac, è la destinazione più popolare per i surfisti a causa del vento da Velebit, per questo Privlaka è più attraente come meta turistica per tutti quelli che desiderano praticare il turismo attivo o sport acquatici.
L’hotel è situato nella zona Škrapavac che è famosa per le sue belle, lunghe spiagge sabbiose. Sul lato settentrionale, sono protetti da alte colline scoscese dal forte vento, e aperte per una lieve brezza.

Nero fango curativo a Privlaka e Nin

L’aria pulita e il nero fango curativo fanno di questa località la destinazione ideale per le persone che soffrono di problemi di salute come l’asma, i reumatismi, artrite, ecc. Il fango curativo (peloid) viene utilizzato per scopi medicinali sin dall’epoca romana ai giorni nostri. Vale a ricordare che il fango è uno dei pochi ecosistemi al mondo, e il suo potere di salubrità è usato per trattare con successo malattie reumatiche e dermatologiche. Il fango viene applicato sulla zona ammalata sotto forma d’impacco e lasciato in riposo fino a che non s’indurisce. Dopo un’ora o due, il fango viene rimosso mediante lavaggio o entrando in mare. Oltre alla terapia con fango a Privlaka, come parte della terapia si possono fare anche altre forme di trattamento. Gli ospiti hanno la possibilità di curarsi con la terapia con la sabbia marina, idroterapia, termoterapia e peloidoterapia. Questa è la migliore forma di trattamento per le persone affette da malattie del sistema muscolo-scheletrico e muscolare, e si pone l`accento sulle tre principali finalità: trattamento di reumatismi cronici, del processo infiammatorio reumatico e psoriasi, chiamate anche “le malattie dell’uomo moderno”.

txt-img-privlaka-beach-1

Nin

La vecchia città croata Nona ha una storia famosissima, è situata in una laguna , circondata dalle lunghe spiagge sabbiose, collocata ai soli 14 chilometri da Zara. Amministrativamente Nona comprende tre luoghi sulla costa : Nona, Zaton e Grbe mentre Ninski stanovi, Žerava e Poljica-Brig sono i lughi dell`entroterra. La vita urbanizzata di questa città dura più di 3000 anni. È stata abitata dai Liburni, dai Romani ed i Croati la hanno scelta come la prima capitale. Attraverso la storia ha cambiato numerosi sovrani, e molti le riconoscevano lo status della città. Nona è una delle più importanti località archeologiche croate. I resti del antico porto di Nona si trovano al posto del odierno Zaton Holiday Village ( 1º secolo) , ed i resti del più grande tempio sulla costa adriatica orientale si trovano sulla isoletta storica di Nona. Nona è la città di: fonte battesimale del principe Višeslav, famosi vescovi tra cui il più famoso è Grgur Ninski, famoso poeta Petar Zoranić Ninjanin, principi Borna, Mislav, Trpimir e Branimir, re Tomislav, Petar Krešimir IV e Zvonimir.

txt-img-nin
txt-img-zadar

Zadar

Zara, città con tre milleni di storia alle spalle e dal patrimonio culturale di valore elevato è una città che vi offrirà qualcosa di nuovo e di originale ogni volta che la visiterete. Situata nel cuore dell Adriatico, Zara è la sede urbana della Dalmazia Settentrionale, centro amministrativo, economico, culturale, politico della contea e conta 92.000 abitanti. La città di Zara, con il suo patrimonio culturale e tutti i vantaggi di una città moderna, offre numerose attrattive turistiche. Se state cercando un alloggio idilliaco, prelibatezze gastronomiche locali, bellezze artistiche, impianti sportivi tecnologici, programmi di escursioni, Zara è la meta ideale per rilassarvi, fare sport e divertirvi.

L’ Organo sul Mare, opera dell’architetto Nikola Bašić, premiatissima a livello nazionale ed internazionale ha attirato grande attenzione da parte del pubblico cittadino, connazionale e mondiale, ragion che induce a non dubitare del fatto che Zara con il Saluto al Sole sia arrivata ad offrire un’ attrattiva turistica molto innovativa.

NP KORNATI

Nella parte centrale dell’Adriatico croato si trova un gruppo di isole, separato e particolare per diverse ragioni, chiamate Incoronate (Kornati). Grazie all’eccezionale bellezza del paesaggio, alla particolare geomorfologia, alla sinuosità della costa e alla ricca biocenosi marina, nel 1980 la maggior parte delle Incoronate è entrata a far parte del parco nazionale.

Oggi, il Parco nazionale delle Incoronate copre una superficie di circa 220 km2, che include 89 isole, isolotti e scogli, e circa 238 km di costa. La parte terrestre del parco copre meno di 1/4 dell’intera superficie, mentre il resto è costituito da ecosistema marino.
“Nell’ultimo giorno della Creazione, Dio volle incoronare il suo capolavoro e creò le Incoronate dalle lacrime, dalle stelle e dal respiro”. (George Bernard Shaw)

txt-img-kornati-1
txt-img-plitvice-1

NP Plitvice

Le migliori e più popolari tra gli otto parchi nazionali in Croazia – Laghi di Plitvice è l’unico naturale, i valori culturali della società, in Croazia inclusi nella Lista del Patrimonio Mondiale (UNESCO), 1979. è stato tra i primi al mondo.
Secondo l’IUCN, che definisce otto categorie di tutela delle aree naturali, dei laghi di Plitvice appartengono ad un’altra categoria – il parco nazionale, il che significa un area protetta sotto l’amministrazione, soprattutto per la protezione degli ecosistemi e la ricreazione.

NP Paklenica

Parco Nazionale di Paklenica si estende su una zona della parte costiera di Velebit.
Si estende su una superficie di flussi di Velika e Mala Paklenica, e le loro peculiari canyon scavati verticalmente nelle pendici meridionali del Velebit, estendosi anche sulla zona circostante più ampia. Per un territorio relativamente piccolo ha una grande varietà di fenomeni geomorfologici e forme diverse, fauna, paesaggi affascinanti e la natura incontaminata.

txt-img-paklenica-2

Galleria